mercoledì 10 giugno 2015

Il nostro gioco. Sogni sospesi - Ilaria Pasqua

Ciao a tutti!
Oggi vorrei parlarvi di un libro che, a parer mio, è capace di toccare anche i cuori più freddi: Il nostro gioco. Sogni sospesi di Ilaria Pasqua.

Autore: Ilaria Pasqua
Casa Editrice: Leucotea Edizioni
Pagine: 125
Prezzo di copertina: 12,90 €
Link per l'acquisto: QUI

Sinossi
“Devo portarla via di qui” è l’unico pensiero che Davide ha in mente mentre corre via dal ghetto insieme a sua sorella Flaminia, di cinque anni.
È la mattina del 16 ottobre 1943 e i due ragazzini sono rimasti soli in una Roma che non riconoscono più. I tedeschi hanno preso in mano le redini della città, e loro non sanno dove rifugiarsi per sfuggirgli.
Davide porta avanti il gioco iniziato dai loro genitori per impedire alla bambina di capire cosa sta succedendo. E così farà anche Enrico, un ragazzino dei quartieri ricchi che li nasconde in casa sua rischiando molto. Nonostante una prima iniziale diffidenza nascerà una bellissima amicizia che li salverà da un destino orribile. Continueranno a giocare tutti insieme, trascinati dai sogni magnifici di Flaminia, fino a quando non finirà la guerra, fino a quando non sfiorirà del tutto l’infanzia.


Recensione
Quando Ilaria ci ha contattate chiedendoci di leggere il suo romanzo, mi sono incuriosita subito, perché io amo il genere storico. Penso che non sia facile scrivere qualcosa su certi argomenti, soprattutto se la storia riguarda due bambini ebrei che sono costretti a lasciare la loro casa e la loro famiglia a causa delle leggi razziali, ma l’autrice è riuscita a esprimere i loro sentimenti con delicatezza e precisione. Il bello di questo romanzo è il fatto che mostri che anche nella crudeltà, nell’indifferenza e nell’odio c’è sempre qualcuno pronto a dare una mano, a rendersi utile per aiutare chi è in difficoltà. Quello che viene presentato in Il nostro sogno non è solo ciò che è realmente accaduto durante la seconda guerra mondiale, ma è anche una bellissima storia di amicizia, di crescita e di fiducia: tutti coloro che vi partecipano ne escono cambiati.
È un libro molto scorrevole – nonostante a volte ci siano errori di battitura o di punteggiatura e frasi che secondo me sono grammaticalmente poco corrette (come “aveva i codini scesi”) – e capace di prendere il lettore, perché nonostante l’argomento sia, lasciatemi passare il termine, pesante, è visto con gli occhi dei bambini: con quelli di Davide ed Enrico, più responsabili e preoccupati, e con quelli di Flaminia, che essendo ancora piccola pensa che sia tutto un gioco.
La storia è scritta in prima persona, dal punto di vista di Davide, il protagonista ebreo, e questo permette di comprendere fino in fondo quello che lui prova, ma non mi è piaciuto molto il fatto che a volte gli avvenimenti vengano anticipati proprio tramite i pensieri del ragazzino e che spesso il lettore venga messo in guardia su quello che sta per succedere. Secondo me sarebbe stato più bello leggere e vivere l’avventura pagina dopo pagina, senza che qualcosa venisse spoileranto, per rimanere con il fiato sospeso fino all’ultimo. Insomma, alcune parti sarebbero state meno “scontate” se espressioni del tipo “ancora non sapevo cosa sarebbe successo di lì a poco” non ci fossero state.
In conclusione, penso che sia un libro molto bello, ricco di emozioni, ma secondo me lascia poco spazio all’immaginazione del lettore e per questo motivo gli do tre boccoli.


Boccolo in su: il rapporto tra Davide, Flaminia ed Enrico è davvero stupendo e ben realizzato

Boccolo in giù: la casa editrice poteva correggere meglio la bozza per evitare di pubblicare un libro con errori
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...