domenica 6 settembre 2015

La ragazza del treno - Paula Hawkins

Buongiorno ragazzi, finalmente ho avuto il tempo di leggere la grande promessa thriller di questa estate: La ragazza del treno di Paula Hawkins.

Autore: Paula Hawkins
Editore: Piemme edizioni
Pagine: 306
Prezzo di copertina: 19,50
Ebook: 9,99

Sinossi
La vita di Rachel non è di quelle che vorresti spiare. Vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia di Londra al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino, può osservare, non vista, le case e le strade che scorrono fuori e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Un appuntamento cui Rachel, nella sua solitudine, si è affezionata. Li osserva, immagina le loro vite, ha perfino dato loro un nome: per lei, sono Jess e Jason, la coppia perfetta dalla vita perfetta. Non come la sua. Ma una mattina Rachel, su quella veranda, vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambia tutto. La rassicurante invenzione di Jess e Jason si sgretola, e la sua stessa vita diventerà inestricabilmente legata a quella della coppia. Ma che cos'ha visto davvero Rachel?

                                                    Recensione
Non vi nascondo che dal momento che ho visto alla fiera del libro di Torino (SalTo 2105), fuori dallo stand Piemme, il cartellone pubblicitario de La ragazza del treno sono rimasta affascinanta e per me trovare questo libro è diventato una missione di vita. Ho aspettato pazientemente che uscisse e ho subito comprato la versione ebook. Io amo spassionatamente i thriller e La ragazza del treno, dalla trama, faceva grandi promesse che, devo ammettere, ha mantenuto pienamente. 
Il romanzo è raccontato da tre punti di vista femminili: quello di Rachel (la protagonista principale) Anna e Megan. Donne che hanno poco a che fare l'una con l'altra, ma le cui vite sono collegate da un filo che nemmeno loro riescono a percepire. Questa differenziazione dei punti narrativi è una delle cose che ho preferito perché ci permette di mettere insieme le parti del mistero in una maniera molto precisa ed intrigante.
 La forza di questo romanzo è anche l'immedesimazione che ognuno di noi ha con Rachel già dalle prime pagine. Io penso che ognuno di noi prenda un mezzo di trasporto per andare a scuola, all'università o al lavoro, e che ogni giorno inevitabilmente si ritrovi a guardare le stesse case, le stesse vie, le stesse persone e ad affezionarsi a queste piccole cose. Questo è quello che fa Rachel ogni giorno: prende lo stesso treno alla mattina e torna con lo stesso treno la sera, fa la medesima tratta (tanto da imparare ogni punto di svolta ed ogni semaforo sui binari) e guarda le stesse cose, finché un giorno vede qualcosa che non dovrebbe vedere.
 Da quel momento, vi assicuro, non riuscirete più a staccare gli occhi dalle pagine. Senza darvi ulteriori spoilerperché il romanzo è più godibile senza che si sappia niente in anticipo, vi posso confessare che l'ho letto in tre giorni, tutto d'un fiato, e posso sottoscrivere tutto quello che la stampa ha detto su questo romanzo elogiandolo. Assolutamente bellissimo, ricco di colpi di scena, i personaggi sono studiati a 360° e nessuno è  buono né cattivo fino alla fine dei giochi
Ovviamente si merita 5 boccoli e lo consiglio vivamente a tutti i thriller-lovers!



Boccolo in su: Il triplice punto di vista, in un thriller, è una trovata geniale.

Boccolo in giù: Avrei sviluppato un po' di più gli avvenimenti nella parte finale: la chiusura rapida delle storia ti lascia un po' di amaro in bocca.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...