giovedì 26 novembre 2015

Classici senza età: Il vecchio e il mare - Ernest Hemingway

Ciao a tutti!
Oggi vorrei parlarvi di un Classico senza età che, a parer mio, è davvero bellissimo: Il vecchio e il mare di Ernest Hemingway.


IL VECCHIO E IL MARE
di Ernest Hemingway

CASA EDITRICE: Mondadori
PRIMA PUBBLICAZIONE: 1952
LA MIA EDIZIONE: 1987
PAGINE: 144
PREZZO DI COPERTINA: 12,00 €
EBOOK: 6,99 €
LINK PER L'ACQUISTO: Qui

SINOSSI
Il vecchio e il mare è una storia semplice e tragica, stupendamente narrata, che porta il segno del capolavoro. Un racconto a due personaggi: il pescatore Santiago che incarna la nobiltà e il coraggio del lottare umano, il gigantesco pescespada simbolo della fierezza e della libertà della natura. Una lotta sconvolgente nello scenario della Corrente del Golfo che dura tre giorni e si conclude con la vittoria di Santiago:egli uccide l'animale riuscendo ad attraccarlo alla barca; ma nello stesso tempo, è sconfitto perché i pescecani divoreranno la preda nonostante una disperata difesa. Un epilogo emblematico in cui riecheggiano antiche risonanze, il perpetuarsi della condizione del vincitore sconfitto: per l'uomo, ciò che conta è lo sforzo di affrontare il destino, e soltanto nella misura di questo sforzo egli può raggiungere la vittoria nella sconfitta."Nessun vero artista - notò Berenson a proposito del Vecchio e il Mare - scrive simboli o allegorie - e Hemingway è un vero artista - ma ogni vera arte emana simboli e allegorie. Così avviene per questo breve ma non piccolo capolavoro".




RECENSIONE
Ho trovato questo libro davvero interessante, perché penso che abbia molto da insegnarci.
Prima di tutto, ci dice che la vita non è sempre rose e fiori: certo, se presa sotto un punto di vista è un’avventura, è un’esperienza da intraprendere insieme agli altri, ma, se vista da un altro, è anche un grosso punto di domanda, nel quale l’uomo cerca le risposte e le spiegazioni ai suoi mille interrogativi; ed è proprio per questi due motivi che è necessario imparare ad accettarla con tutte le sue gioie e con ogni sua sofferenza.
La voglia di vivere, l’affetto, il desiderio di ottenere ciò per cui si lotta, la solitudine sono le tematiche principali che emergono da questo splendido capolavoro.
L’entusiasmo che il pescatore Santiago prova per la vita è grande ed è esemplare: nonostante sappia di essere anziano e di non riuscire più a fare determinate cose, si butta ugualmente nell’avventura, tenta lo stesso di raggiungere i suoi obiettivi e cerca in tutti i modi di ottenere ciò che desidera. Perché dico che è esemplare? Beh, perché se nella vita non ci si pone alcun traguardo, credo che non si possa dire di vivere davvero; sicuramente capiterà che, durante il tragitto, si incontrino ostacoli o ci siano sconfitte, ma è necessario tenere la testa alta e non darsi per vinti.
Un tema che mi ha particolarmente colpita – perché ciò che è descritto nel libro avviene anche ai giorni nostri – è quello dell’esclusione. Il vecchio pescatore, infatti, viene guardato male da tutti e spesso è preso in giro dalla gente che non lo sa accettare. Ammettiamolo, quante volte anche noi escludiamo qualcuno solo perché pensiamo che sia troppo diverso da noi o che, peggio, “non sia alla nostra altezza”? E, purtroppo, molte volte, nella vita di tutti i giorni queste persone non sono fortunate come, nel libro, lo è Santiago, perché spesso non trovano nessuno come Manolin, capace di apprezzarli per quello che sono realmente.




Boccolo in su: l'amicizia che lega Santiago e Manolin, secondo me, è davvero stupenda

Boccolo in giù: potrà sembrare strano, ma non mi viene in mente nulla

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...